L’INFLUENZA QUEST’ANNO SARA’ PIU’ AGGRESSIVA E ARRIVERA’ IN ANTICIPO, SI RACCOMANDANO PIU’ CHE MAI I VACCINI | iTiVu Abruzzo Internet Television
L’INFLUENZA QUEST’ANNO SARA’ PIU’ AGGRESSIVA E ARRIVERA’ IN ANTICIPO, SI RACCOMANDANO PIU’ CHE MAI I VACCINI

L’INFLUENZA QUEST’ANNO SARA’ PIU’ AGGRESSIVA E ARRIVERA’ IN ANTICIPO, SI RACCOMANDANO PIU’ CHE MAI I VACCINI

Mi piace 0 1423 Francesca Febbo
Aggiunto da 11 Ottobre 2016

Viene dalla Libia, e sarà più minaccioso del previsto. Quest’anno, infatti, il nuovo virus dell’influenza, ceppo A/H3 e alcune sue mutazioni, minacciano di mettere a letto sei milioni di italiani. L’influenza, inoltre, arriverà in anticipo e per questo è necessario vaccinarsi il prima possinile. Questo l’allarme lanciato dai medici di famiglia, riuniti a Chia Laguna per il Congresso nazionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg).

A far prevedere un’ondata influenzale più pesante del solito sono due fattori”, spiega Tommasa Maio, Segretario nazionale Fimmg Continuità assistenziale. “Il primo è il largo anticipo con il quale quest’anno, già a fine agosto, è stato isolato il virus in un bambino nato in Marocco e proveniente dalla Libia. Fatto questo che ne prefigura una più ampia diffusione, soprattutto tra le persone non ancora vaccinate. In secondo luogo, i virus A/Hong Kong (H3N2) e B/Brisbane, isolati dall’Istituto superiore di sanità, contengono piccole mutazioni che predispongono a una maggiore circolazione dell’influenza.

Questo perché né i bambini, né le persone a rischio che solitamente si vaccinano possiedono gli anticorpi che fungono da barriera alla malattia”.

I sintomi sono più o meno i soliti: infezioni alla vie respiratorie, con tosse e mal di gola, febbre anche alta, mal di testa e dolori alle articolazioni. Disturbi che la scorsa stagione hanno fatto trascorrere in media sei giorni a letto a chi è stato colpito all’influenza. Ma che ogni anno,  secondo l’Istituto Superiore di Sanità, provocano la morte di 8mila persone per complicazioni come polmonite e broncopolmonite, soprattutto negli anziani. Dunque “quest’anno – continua Maio – è più che mai necessario vaccinarsi per tempo, soprattutto se si appartiene a una categoria a rischio: ultrasessantacinquenni, diabetici, immunodepressi, cardiopatici, malati oncologici, donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza”.

Tuttavia le persone sane non si devono ritenere esonerate: infatti, si consiglia quest’anno la vaccinazione anche per le persone sane tra i 50 e i 60 anni, che a causa della mutazione del virus saranno a breve più colpite dall’influenza. Il vaccino è consigliato pure per i bambini sani, visto che l’influenza da 0 a 4 anni colpisce 10 volte più che tra gli anziani, ed 8 volte in più tra i 5 e i 14 anni.

Per le categorie a rischio il vaccino antinfluenzale è somministrato gratuitamente dai medici di famiglia nei loro studi. Il periodo destinato alla conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è dalla metà di ottobre fino a fine dicembre.

Secondo l’Iss, dopo anni di sempre maggiore copertura vaccinale, gli italiani che si immunizzano contro l’influenza sono oramai meno del 20% e tra gli anziani la percentuale è scesa dal 70% a meno del 50%. Colpa dei falsi allarmi sulle presunte contaminazioni di alcuni lotti due anni fa, ma soprattutto di bufale e falsi miti che sempre più frequentemente circolano su internet senza alcun controllo. Un’onda lunga di “anti-medicina” che i medici di famiglia della Fimmg si impegnano ora a contrastare, promuovendo non solo la campagna di immunizzazione contro l’influenza ma anche quella a favore delle altre vaccinazioni previste dal nuovo Piano nazionale vaccini recepito dai Lea, i nuovi livelli essenziali di assistenza, operativi tra poco più di un mese, dopo il parere non vincolate del Parlamento.

Francesca Febbo

Video correlati

DUBBIO, SCELTA E RINUNCIA

0 1809 0

Si sa, la scelta non è un meccanismo alquanto semplice. La difficoltà nel compiere una scelta è data dalla circostanza che si è restii a chiudere le altre porte, si vorrebbe che rimanessero tutte aperte, in modo da interscambiarle al

LA PICCOLA VALENTINA MORTA PER UN’INFEZIONE: TRAGEDIA NEL TERAMANO

0 1207 0

COLONNELLA – Potrebbe essere stata un’infezione a causare la morte della piccola Valentina Di Saverio, la bambina di 8 anni morta lunedì sera mentre giocava con i familiari. Queste  le prime informazioni dell’autopsia eseguita ieri mattina dal medico legale Antonio Tombolini di Macerata.

PESCARA: ARRIVA IL CENTRO DI RICERCA ”ABRUZZO REGIONE DELLA VISTA”

0 1237 0

PESCARA – “Abruzzo regione della vista”. Con l’odierna approvazione di una delibera di Giunta regionale,  proposta dal presidente,  Luciano D’Alfonso, è stato dato il via alla realizzazione del centro  di ricerca e innovazione che vede come promotori la Regione, il

Nessun commento

Ancora nessun commento!

Ancora nessun commento!

Ma tu puoi essere il primo a scriverne uno

Scrivi un commento

I tuoi dati sono al sicuro!

La tua email non sarà pubblicata. Nessun dato personale sarà reso pubblico.
I campi necessari sono contrassegnati*